Mi chiamo Andrea Bosonetto, classe '87 e nato ad Aosta, una piccola città fra le Alpi.

 

Read More

 

Chi sono
Ricerca tramite Tags

Trekking al Mt Taranaki Summit

January 29, 2018

Lasciato il Tongariro National Park, prima di dirigermi al monte Taranaki, decido di fare una deviazione per andare a vedere Three Sisters Beach and Elephant Rock.

Combinazione capito proprio quando c’è bassa marea, e quindi posso fare la passeggiata lungo la spiaggia che porta alle Three Sisters. In realtà, ne sono rimaste solo due, una è crollata qualche anno fa. Ma una nuova sorella sta nascendo dall’erosione della costa.

 

 

 

Poco prima delle sorelle, c’è un ammasso roccioso che assomiglia vagamente ad un grosso elefante, ecco perché Elephant Rock. Ci sono delle piccole caverne che attraversano l’elefante da una parte all’altra. Una di queste ha dei colori stupendi all’interno!

 

Faccio pranzo e mi rimetto in auto.

 

Passo la notte nel parcheggio della partenza della camminata che la mattina seguente mi porterà in cima al Monte Taranaki. Con me c’è anche Céline, una ragazza francese che avevo già incontrato qualche settimana fa per un’altra passeggiata.

Ci svegliamo alle 6 con un’aria surreale, nebbia e nubi. E poi come per magia in 5 minuti si apre il cielo e diventa bellissimo. Ed ecco di fronte a noi l’imponente monte Taranaki! Onestamente a guardarlo non riesco a capacitarmi come arriveremo in cima!

 

 

 

Avevo letto che il trekking era difficile, ma onestamente non me lo aspettavo così difficile! Parte subito ripidissimo nella prima parte di circa 1 ora e mezza. Poi c’è una parte con circa 400 scalini. E la parte più dura arriva adesso. 2 ore di camminata in mezzo a terra vulcanica con una pendenza di almeno il 45%. Ogni 2 passi avanti ne fai 1 indietro. Le scarpe sprofondano nella terra vulcanica facendo una fatica boia.

 

 

E poi arriva la penultima parte di roccia vulcanica, così ripida che bisogna praticamente arrampicarsi aiutandosi con le mani.

Devo dire che un po’ mi sono cagato sotto quando ero quasi alla fine con sotto di me il vuoto e soprattutto all’idea di rifare quel tragitto in discesa. Ma non ci penso e continuo.

 

 

Si arriva al cratere spento, dove giace un manto di neve perenne compatto sul quale si può camminare sopra senza problemi.

Altri 10 minuti di camminata e si arriva finalmente alla punta a 2.518 metri!

 

 

 

Purtroppo salendo, sotto di noi si è rannuvolato quindi non abbiamo granché da vedere al di sotto, ma è affascinante lo stesso essere al di sopra e di parecchio anche, di questo mare di nuvole! All’orizzonte si vede anche il Tongariro National Park che spunta dalle nuvole.

 

Ci fermiamo circa un’ora e mezza per riposarci e far pranzo e si rientra. La parte rocciosa risulta meno difficile del previsto, ma la parte con la terra vulcanica è estenuante ma divertente! Con quella pendenza è praticamente difficile fermarsi. Si scivola e si pattina giù. Ovviamente sono caduto innumerevoli volte, o fatto dei metri agitando le braccia cercando di non perdere l’equilibrio anche per diversi metri come nei cartoni animati.

 

Se per salire ci ho messo 4 ore, a scendere sono bastate 2 ore e 15.

 

 

 

Conclusioni

E’ stata in assoluto la camminata più impegnativa che abbia mai fatto in vita mia, richiede davvero molta resistenza e fatica. Quindi se non siete un minimo allenati, ve lo sconsiglio. Bisogna essere attrezzati, quindi d’obbligo scarponi, crema solare 50+, almeno 3 litri d’acqua e cibo. Che non vi venga in mente di andare in scarpe da ginnastica, a meno che non vogliate scivolare sulle rocce e morire! Anche per chi soffre di vertigini lo sconsiglierei. La parte dove ci si arrampica passa in alcuni punti molto vicini allo strapiombo che mi hanno parecchio agitato.

Sono molto soddisfatto di aver fatto questa camminata, nonostante la fatica! Da sempre una certa soddisfazione quando arrivi alla fine con tutta la fatica fatta! Sono comunque 1.572 metri di dislivello in 6,3Km di camminata!

Mi sembra un buon allenamento per continuare nell’isola del Sud, dove camminate di questo tipo dovrebbero essere più frequenti.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

VIDEO: Lago Afframont Balme (TORINO)

July 22, 2018

Queenstown & Wanaka

March 4, 2018

1/15
Please reload

You Might Also Like: